Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Riqualificazione della Galleria Sumerica del Museo Nazionale di Baghdad

Renovation of the Sumerian Gallery at the Iraq Museum, Baghdad

Tipologia
Progetti internazionali
Ente finanziatore
AICS-MAECI (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo)
Settore ERC
SH5_7 - Museums and exhibitions
SH5_9 - History of art and history of architecture
SH5_11 - Cultural heritage, cultural memory
SH6_1 - Archaeology, archaeometry, landscape archaeology
SH6_2 - Prehistory and protohistory
SH6_3 - Ancient history
SH6_10 - Cultural history
Budget
355.000 Euro
Periodo
16/06/2020 - 16/06/2023
Prof. Carlo Lippolis
Prof. Stefano De Martino

Aree / Gruppi di ricerca

Partecipanti al progetto

Descrizione del progetto

Scolaresche al museo archeologico nazionale dell’Iraq (Iraq Museum, 2017)Negli ultimi trenta anni, il patrimonio archeologico e culturale dell'Iraq è stato gravemente danneggiato a causa di conflitti, di abbandono e di una sistematica barbara distruzione del passato. Uno dei simboli del patrimonio culturale iracheno è il Museo Archeologico Nazionale dell’Iraq (Iraq Museum, Baghdad).

Fin da subito dopo il saccheggio del museo nel 2003, gli interventi italiani di Centro Scavi Torino-Unito e Monumenta Orientalia, supportati dal MiBACT e dal MAECI, hanno previsto la riqualificazione di diversi spazi interni e gallerie del museo, che è stato poi riaperto al pubblico nel 2015 (Lippolis C., de Martino S., Parapetti R., Capri G. 2016, L’Iraq Museum di Baghdad. Gli interventi italiani per la riqualificazione di un patrimonio dell’umanità, Firenze)

La galleria sumerica (2020)

In questa cornice di tutela, valorizzazione e divulgazione di un importante e universale patrimonio culturale si colloca anche il nuovo progetto di riqualificazione della Sala Sumerica dell’Iraq Museum di Baghdad. Uno spazio che ha un forte significato simbolico per gli iracheni tutti (la civiltà sumerica costituisce il più antico passato a tutti comune) e che costituisce la più straordinaria collezione al mondo di manufatti appartenenti una fase storica cruciale per i popoli del Vicino e Medio Oriente, nonché del Mediterraneo, tra IV millennio e III millennio a.C.

L'intervento italiano si propone  di restituire, innanzitutto alla comunità irachena tutta e in secondo luogo alla comunità internazionale, quegli strumenti utili per riappropriarsi di un passato unico, ancora vivo e più che mai fondamentale.

Giovani visitatrici della galleria sumerica all’Iraq Museum

I materiali esposti nella Sala Sumerica dell’Iraq Museum sono i più vari: dalle decorazioni architettoniche a mosaico o intarsiate di IV millennio, alla più antica statuaria in pietra, alle prime tavolette cuneiformi, ai metalli, alla ceramica, agli ori delle prime dinastie reali. Tra di essi, compaiono diversi "capolavori" dell'arte mesopotamica. 

Tuttavia, l'attuale disposizione museologica e museografica della sala è alquanto obsoleta e carente: il progetto italiano si propone di intervenire su questi aspetti problematici, mirando ad un riallestimento della sala che oltre a prevedere ottimali condizioni di sicurezza e collocazione dei reperti, garantisca la migliore fruibilità degli stessi e dei loro contenuti.

Il progetto è finanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (MAECI, uffici di Roma ed Amman) ed è supportata dall'Ambasciata d'Italia di Baghdad, in collaborazione con lo State Board of Antiquities and Heritage of Iraq e UNOPS (United Nations Office for Project Services).

Il progetto si suddivide in due principali settori di intervento:

  • a Unito spetta il coordinamento delle attività archeologiche e di musealizzazione (idea progettuale, percorsi interni, disposizione dei pezzi, sussidi didattici, documentazione...) all'interno della sala
  • a Unops spetta il coordinamento dei lavori strutturali e di fornitura all'interno della sala (impiantistica, illuminazione, costruzione delle vetrine e dei supporti)

LAVORI IN CORSO

movimentazioneDall’inizio del 2022, con la riapertura del museo dopo la crisi pandemica, ancora più visitatori di prima sono accorsi al Museo Nazionale di Baghdad. Un calcolo per ora approssimativo indica una affluenza di circa 400 studenti da scuole primarie e/o secondarie al giorno.
Mentre in Italia si procede alla realizzazione di due modelli in scala, di una brochure e di altro materiale didattico e illustrativo per il nuovo allestimento della galleria sumerica dell’Iraq Museum, a Baghdad sono cominciati i lavori nella galleria sumerica.

 

EquipaggiamentoUnito ha provveduto innanzitutto all’approvvigionamento del museo con equipaggiamenti (materiali da imballaggio, materiali per restauro, casse, materiale fotografico, computer, cancelleria…) necessari per i lavori in loco. A seguire sono iniziate le fasi di movimentazione dei reperti e di smontaggio delle vecchie vetrine.

 

 

sezione in aggiornamento

La dama di Warka, fine IV - inizio III millennio a.C., galleria sumericaBaghdad, 17 Ramadan MosqueIl progetto preliminare del nuovo riallestimento della sala (Arch. R. Parapetti, F. Bernetti) Galleria oggi Galleria predisposta Equipaggiamento Visitatori al museo

Risultati e pubblicazioni

- Lippolis C., de Martino S., Parapetti R., Capri G. 2016, L’Iraq Museum di Baghdad. Gli interventi italiani per la riqualificazione di un patrimonio dell’umanità, Firenze.
- De Martino S., 2020, "The Italian Response to the Cultural Heritage Emergency in Iraq", in Kamel L. (ed) Collapse and Rebirth of Cultural Heritage. The Case of Syria and Iraq, Bern, 79-89.
- Lippolis C., Menegazzi R. 2020, “Archaeology for the Public through Asia”, in M. Cammarosano, E. Devecchi, M. Viano (eds.) talugaeš witteš. Ancient Near Eastern Studies Presented to Stefano de Martino on the Occasion of his 65th Birthday, Münster, 275-285.
- Lippolis C. 2020, “Archeologia e tutela di un patrimonio da salvare. La missione archeological italiana Unito-Crast in Iraq”, in D. Elia (a cura di), Chiedi alla Terra. Esplorazioni e ricerche archeologiche del Dipartimento di Studi Storici dell'Università di Torino, (“Prospettive storiche, Studi e Ricerche del Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino”), Torino, 50-65.

Ultimo aggiornamento: 14/04/2022 10:23